TROTTATORE A RISCHIO: URGENTE

ADOTTATO DA GIUSY DELLA PROV. DI ROMA
GIOY D’ASTI, trottatore di 5 anni, sauro, castrone, che a causa di un’infezione al nervo
ottico sta diventando completamente cieco. Un occhio è già andato,l’altro sta
peggiornando; purtroppo il processo è irreversibile. I proprietari hanno tentato di
curarlo,ma senza risultati.Per ora è ancora nella sua casa di sempre,in ippodromo a
Foggia,ma non può starci per sempre. E’ un cavallo bellissimo e tanto dolce ed
affettuoso. Rivolgiamo un accorato appello a persone di buon cuore che vogliano offrirgli
una casa e l’amore che merita.
(foto non ancora disponibile)
Per contatti

Catania, sei denuncie per maltrattamento di animali. Cronometravano un cavallo sulla litoranea

ItaliaInformazioni –

Stavano cronometrando un cavallo lungo la litoranea Riposto-Schisò, nel Catanese, quando sono arrivati i carabinieri, che hanno sbarrato la strada con le loro auto di servizio. Cavallo e calesse hanno finito la loro corsa contro una delle auto di servizio, ferendo un militare, che si è incrinato una costola; lo stesso quadrupede, si è rotto una gamba.

È accaduto ieri, ma è stato reso noto solo stamane. Sei le persone denunciate, il guidatore del calesse, che deve rispondere di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale, ed altre cinque, che facevano da apripista, che sono accusate di maltrattamento di animali e competizioni non autorizzate.

Cavallo risponde ai Cc e fa recuperare il bestiame rubato

tiscali.animali

Avevano rubato tre cavalli e li avevano portati in una campagna deserta e ben recintata, in attesa di cederli a qualche acquirente , ma i carabinieri li hanno preceduti, grazie soprattutto alla collaborazione di Valentino, il più vispo dei tre quadrupedi, che chiamato a distanza per nome, si è messo a nitrire, attirando così i militari dell’Arma nella prigione.

Animali nel mirino – Il curioso episodio, raccolto in ambienti investigativi, è avvenuto a Zungri, un Comune del vibonese, nel comprensorio del Poro, tristemente noto per i continui furti di animali di ogni genere, un fenomeno gestito dalla mafia rurale che saccheggia gli allevamenti al fine di indurre i proprietari delle campagne a cederle a basso prezzo.

Più sveglio di Furia – I carabinieri, appena ricevuta la denuncia del furto da parte di un piccolo allevatore del luogo con la descrizione dei quadrupedi ed i loro nomi, si sono diretti verso la “Campia”, scandendo a gran voce il nome “Valentino” dato dal proprietario ad uno dei cavalli fin quando ad un tratto non hanno sentito, in risposta, un forte nitrito. Seguendo la direzione da cui proveniva il segnale, sono così arrivati al rifugio. Recuperati i cavalli, i carabinieri sono adesso alla ricerca dei ladri, probabilmente persone del luogo, affiliate alla famigerata mafia rurale.

Barack Obama e i diritti degli animali

Barack Obama e i diritti degli animali

Moriconi e la politica

Non siamo usi ai facili entusiasmi ma ci troviamo senz’altro d’accordo con quanti, nel mondo, si stanno ancora felicitando per l’elezione del primo Presidente afroamericano degli Stati Uniti (il quale, nel suo discorso della vittoria, è stato anche il primo uomo politico di rilievo che abbia ringraziato, tra i suoi elettori, anche “le persone con disabilità e quelle senza disabilità”, superando così per la prima volta il recinto delle ragioni “etnico-economiche” in politica (Obama è certamente conscio del fatto che la maggior parte degi fondi per la sua elezione sono venuti dal Web, dalla gente comune e questo è il dato veramente innovativo delle presidenziali USA 2008).

Ci allineamo anche alle parole di Gianluca Felicetti, Presidente LAV, che ha espresso grande soddisfazione nel leggere che Obama è seriamente preoccupato per la sofferenza animale – non soltanto quella dei pet…

Purtroppo l’avvento di Obama è stato presumibilmente accompagnato dal sacrificio di un toro nel suo villaggio di orgine, in Kenia. L’articolista di Repubblica nello scrivere che <> non si rende affatto conto che l’uso di sacrificare animali per le feste è proprio – purtroppo – di tutte le popolazioni umane (pensiamo ai nostri agnelli pasquali, per fare un solo esempio) e il suo quindi è un doppio strafalcione, specista ed etnocentrico, se non con uno sfondo neanche tanto vagamente razzista.

Nonostante questo, restiamo dell’avviso che le parole di Obama (che potete leggere in inglese cliccando qui) se dovessero tradursi in atti concreti, potrebbero costituire un precedente storico per tutto il movimento di liberazione animale del mondo, al pari dell’estensione dei diritti umani alle grandi scimmie operata da Zapatero in Spagna.

Obama ha già lavorato all’emanazione di una legge per la prevenzione dell’abbattimento equino nello Stato dell’Illinois, insieme ad altri 11 provvedimenti inerenti le crudeltà sugli animali, ed è stato più volte citato favorevolmente dalla Humane Society of U.S..
Si è dichiarato di questo avviso: <> che è un pensiero che richiama direttamente quello di Gandhi, anche se alla rovescia. Obama si è anche più volte dimostrato conscio di quanto la violenza sugli animali sia ‘propedeutica’ a quella sugli esseri umani, vogliamo dunque sperare che la sua politica in materia continui – non dimentichiamoci che gli Stati Uniti d’America sono lo stato che ‘sacrifica’ il più grande numero di animali ogni anno e quindi possiamo immaginarci le resistenze in tale ambito – e che il fatto di regalare un cucciolo ai suoi figli come compimento di una promessa fatta in campagna elettorale (<> aveva detto Barack) sia solo la prima di molte altre promesse da realizzare, per una nuova giustizia sociale e tra le specie.

Enrico Moriconi